OSLO SEMPREVERDE

Sempreverde, così vorremo la nostra città, ecco allora in arrivo un’altra serie di domeniche ecologiche, con il blocco del traffico in diverse città italiane. Un provvedimento apprezzabile, ma di certo non risolutivo. Le proposte messe in campo per risolvere il problema dell’inquinamento causato dall’immissione di polveri sottili nell’aria, ormai diventato cronico, dovrebbero essere di ben altra “natura”.

Sensibilizzare il cittadino al rispetto del territorio attraverso provvedimenti legislativi mirati all’uso di fonti rinnovabili ed a un diverso modo di muoversi nei centri urbani.

Diverse città europee stanno attuando politiche ambientali di questo tipo diventando, come ha dichiarato il commissario europeo per l’ambiente Karmenu Vella, “modelli per un futuro sostenibile, mostrandoci come possiamo rendere le città luoghi migliori per vivere”.

A tale scopo nel duemilaotto l’Unione Europea ha istituito l’European Green Capital Award, premio quest’anno assegnato a Oslo, capitale della Norvegia. Il paese scandinavo, nonostante sia il principale produttore di petrolio in Europa da diversi anni sta investendo sulle fonti rinnovabili, che alimentano il novanta per cento della rete elettrica nazionale.

Tale investimento ha fatto alzare il numero di auto elettriche acquistate, anche grazie a diversi incentivi per chi le compra, come per esempio l’esenzione dai pedaggi, la possibilità di rifornirsi gratuitamente alle colonnine pubbliche e un’ aumento delle corsie preferenziali.

La capitale Oslo è la prima città in Europa ad attuare la chiusura totale del centro storico alle auto, un progetto finalizzato a dimezzare le emissioni di CO2 entro il duemiladiciannove.

I seicentomila abitanti di Oslo potranno usufruire di sessanta chilometri di piste ciclabili, di investimenti nel servizio pubblico e di incentivi per acquistare biciclette elettriche.

Paolo Marra

Paolo Marra
Paolo Marra

Lascia un commento